IL SOGNO




Facevo un sogno ricorrente, mi trovavo in un luogo e cercavo la via d'uscita e sebbene pensavo che fosse facile ritrovare la via da dove ero entrato, invece tutto mi cambiava. Le porte erano diverse, nessuna delle quali era la via d'uscita, ti portava solo in un'altra stanza. Girovagavo da una stanza all'altra, alcune persone si arrabbiavano perchè entravo nei loro luoghi senza permesso, stava diventando un incubo. Poi mi svegliavo e cercavo di capire il senso del sogno, ma senza riuscire a comprenderlo fino all'ultimo di questi sogni.

L'ultimo era diverso, perchè quando mi sono svegliato, oltre alla liberazione di quell'incubo, alla gioia di realizzare che era solo un sogno e non era vero niente, era diverso perchè mi accorsi che il risveglio non era un risveglio come le altre volte che sognavo quel tipo di sogno, ma era un risveglio che in un certo senso faceva parte del sogno stesso, come un prolungamento del sogno stesso.

In quel risveglio capii che l'unica via d'uscita da quel sogno era “svegliarsi”. Da dentro il “sogno” ogni porta ti conduce in un altro luogo, ma rimani sempre dentro il sogno. Cambiano gli ambienti, le persone, le situazioni, ma sei sempre dentro il sogno; l'unica via di uscita è “svegliarsi”, uscire dal sogno e capire così che era solo un sogno, che niente era reale e tutte quelle problematiche che si sviluppavano dentro il sogno non erano esistenti.

Credo che il “sogno” sia il nostro “io umano” in cui ci identifichiamo, che per noi è reale, ma in realtà è solo illusione, come un sogno appunto e l'unico modo di uscire da questa illusione è il “risveglio” del nostro vero essere.

Da dentro il sogno non ci sono vie d'uscita, ossia non ci sono soluzioni vere, solo provvisorie, non puoi risolvere niente da dentro il sogno. Puoi viverlo bene o viverlo male, ma sei sempre dentro il sogno.

Se ti concentri nel tuo “io”, se comprimi le tue energie nel tuo “io”, se ti confidi solo nella tua memoria, nella tua mente umana, rimani sempre e solo nel tuo “sogno”; troverai tante, infinite stanze e infinite porte, ma tutte ti condurranno solo in altri luoghi dentro il sogno.

Se vuoi uscire dal tuo sogno puoi solo “risvegliarti” al tuo vero essere. Non pensare a “come” si fa, perchè concentri le tue energie nel tuo “io” e rimani dentro il sogno. Non ci sono indicazioni per uscirne, perchè ogni indicazione concentrerebbe solo il tuo “io”, comprimerebbe la tua falsa identificazione col tuo “io” e rimarresti ipnotizzato nel tuo sogno, incastrato nella tua prigione.

Per ora, per me, è importante sapere questo, poi il risveglio verrà da sè.

L'io cercherà sempre una sua via d'uscita, ogni nuova porta da aprire, ma non la troverà mai, ossia ne troverà tante, ma senza poter uscire dal sogno, perchè il “sogno” è lui stesso.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA FIDUCIA: LA PORTA DELL'AMORE

IL RITORNO DEL CRISTO

L'abbondanza

LE MANIPOLAZIONI DELL'IO

LIBERTA' O SICUREZZA?

SENTIRSI PULITI DENTRO

L'AMORE, FORZA CREATRICE

La paura

SCEGLIERE LA TOTALITA'

LO SCONOSCIUTO IN NOI

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *