IL VALORE DELLA VITA


Come artista sento intorno a me poco apprezzamento o meglio, tutti ammirano e lodano la qualità dei miei lavori, ma non sanno dare il giusto valore ad essi. In un primo momento ho pensato che questo era dovuto al fatto che io stesso non mi do valore e l'esterno me lo fa notare, però ultimamente sentivo che invece io sono cosciente del mio valore, come mai allora la gente non lo avverte?

  Poi un giorno ero nel soggiorno ed osservavo un po' tutto quello che c'era all'interno, guardavo il tappeto, la lavorazione, i disegni ricamati, guardavo il tavolo, molto semplice, però le gambe in ferro avevano la sua bella lavorazione.

  Spesso guardo un programma televisivo “Com'è fatto” (How it's made) che fa vedere tutte le fasi della lavorazione di un qualunque oggetto, da quello più semplice, una matita ad esempio, a quello più complicato che può essere persino una roulotte. E' incredibile scoprire quanto lavoro, quanta intelligenza e conoscenza ci sta dietro a tutto questo. Realizzare il materiale migliore che comporta quindi una conoscenza nel settore fatta di esperimenti, scoperte scientifiche, chimiche, fisiche, biologiche con tutte le sue evoluzioni. L'intelligenza meccanica dei vari robot automatici che realizzano in catena di montaggio tanti piccoli manufatti con una precisione incredibile.

Il bagno in liquidi particolari contro polveri, ossidazioni ecc ecc.

C'è da rimanere esterrefatti!

  Tutto questo ti fa apprezzare molto di più ogni piccola cosa, non solo nella bellezza, nella ricchezza ed intelligenza della natura stessa coi sui panorami, tramonti, aurore, alberi, foglie, fiori con la loro stupenda simmetria, sfumatura di colore, anche a seconda se sta al freddo, quindi protetti con foglie con peluria o vellutati oppure più sottili, per non parlare poi del mondo animale ecc ecc, ma anche in quelle piccole cose create dall'uomo in tutta la sua lavorazione artistica, artigianale ed industriale.

  Osservo una semplice borsa, guardo quella del mio computer, e vedo il suo tessuto robusto perchè non si rompa, le sue forti cuciture, la cerniera, una scoperta non da poco, i suoi scomparti, le sue imbottiture per contenere un prodotto delicato come il computer. Insomma immaginate ogni piccola o grande cosa quanto lavoro, quanta intelligenza, ricchezza e bellezza ci sta dentro.

  Spesso noi osserviamo con occhi critici, pensiamo all'operaio sfruttato, all'imprenditore corrotto, a chi deturpa il paesaggio e sfrutta la natura, ma per un momento cerchiamo di vedere il tutto senza tali giudizi, cerchiamo di dare il giusto valore alle cose in sé, alla vita in sé coi suoi annessi e connessi.

E' meraviglioso!

  Come artista poi, sono abituato a guardare l'espressione umana, le movenze, gli atteggiamenti, le pieghe dei vestiti per cercare poi di riprodurli più verosimilmente possibile e questo mi permette di apprezzare maggiormente ogni piccola sfumatura dei gesti, delle espressioni delle persone.

  Se ascolti una persona parlare, senti le sue tonalità a seconda del suo respiro, acute quando prende il respiro, basse quando sta per finire il respiro e ognuno con il proprio timbro......senti una musica, una melodia, se poi ci abbini l'accompagno delle sue gesta nell'esprimersi, delle risa allora diventa oltre ad una musica, anche una recita teatrale e senza pagare il biglietto.

  Ritornando all'inizio del discorso, partendo da un valore che sentivo mancato nei miei confronti, ho potuto però comprendere quanto anche io davo così poco valore alla vita stessa. Gli altri non comprendevano quanto lavoro, conoscenza, studio e passione c'era nelle mie opere, come esattamente io non comprendevo quanta ricchezza, bellezza, intelligenza e amore c'è in tutta la creazione.

  Spesso si parla di abbondanza vista però come una cosa personale, forse aprirci ad accogliere l'abbondanza in noi vuol dire prima comprendere quanta abbondanza c'è già tutto intorno a noi senza che noi l'apprezziamo, proprio come la mancanza del valore nei miei confronti mi ha spinto a capire quanto poco valore davo alla vita intorno a me. Ciò significa che dobbiamo imparare a capire ed apprezzare le cose prima di averle e non solo le cose, ma anche i sentimenti.
 
  Non è questione di un dare-avere che sa di premio-punizione, piuttosto di comprendere per poter poi avvalorare maggiormente.
  E dare valore ai sentimenti e alle cose è anche amarle di più, perchè essere coscienti ti porta ad amare di più la vita.
  Quando comprendiamo qualcosa, ne capiamo il significato, questa scoperta non ci porta anche ad apprezzarla e quindi ad amarla di più? Ecco che coscienza è uguale ad amore, più diventiamo coscienti e più sappiamo amare.

E il percorso creativo realizza così appieno l'armonia e l'amore dell'universo!

Commenti

Post popolari in questo blog

LA FIDUCIA: LA PORTA DELL'AMORE

IL RITORNO DEL CRISTO

L'abbondanza

LE MANIPOLAZIONI DELL'IO

LIBERTA' O SICUREZZA?

SENTIRSI PULITI DENTRO

L'AMORE, FORZA CREATRICE

La paura

SCEGLIERE LA TOTALITA'

LO SCONOSCIUTO IN NOI

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *